Notizie dal mondo

Viaggio benedetto in mezzo all’Africa

07.11.2014

Saluti di benvenuto per il sommoapostolo

Un coro di bambini davanti alla chiesa

Servizio divino: scorcio nella comunità (foto: M. Deppner)

Kinshasa/Zurigo. Il sommoapostolo Jean-Luc Schneider ha consacrato domenica 26 ottobre 2014 sette nuovi apostoli e quattro vescovi per la Chiesa regionale del Congo occidentale. L’apostolo Wa Lukusa Nkongolo è stato posto a riposo per raggiunta età del pensionamento. Egli ha servito 28 anni quale apostolo, pertanto un pioniere della Chiesa Neo-Apostolica a Kinshasa.

I sette nuovi apostoli sono: Hyacinthe Azangi Kabinda (62), Achile Bashisha Tshimanga (50), André Imongo Mpolola (49), Robert Kubi (52), André Luyeye Masesa (48), Crispin Mukongo Bizau (58) e Ntambwe Eugène Kalala (38). Essi opereranno con il loro apostolo di distretto nelle grandi zone attorno a Kinshasa. Solamente nella capitale, vi sono 1.800 comunità neo-apostoliche.

Già al sabato, il 25 ottobre, l’apostolo di distretto Michael Deppner, responsabile del Congo occidentale, ha invitato tutti gli insegnanti ed i responsabili della gioventù di Kinshasa a un servizio divino nella grande chiesa a Limite; circa 2.100 fratelli e sorelle vi hanno preso parte. Il sommoapostolo ha detto loro: „Diamo la possibilità alla giovane generazione di appropriarsi del ‚sapere come‘ apostolico. Insegniamo loro a pregare, a lavorare, a condividere, ad essere sinceri, forti e felici.“

Numerose consacrazioni

La guida internazionale della Chiesa ha celebrato nello stesso luogo un servizio divino domenica, trasmesso per televisione in tutto il paese. Quale base per il servizio divino, il sommoapostolo ha trattato il testo biblico in Atti 13,47.48: „Così infatti ci ha ordinato il Signore, dicendo: "Io ti ho posto come luce dei popoli, perché tu porti la salvezza fino all'estremità della terra"». Gli stranieri, udendo queste cose, si rallegravano e glorificavano la Parola di Dio; e tutti quelli che erano ordinati a vita eterna, credettero.“ Il suo messaggio alla comunità è: „Che possiamo essere una luce per l’umanità.“ Il sommoapostolo ha chiaramente detto che l’offerta di redenzione di Dio è valevole per tutti gli uomini, qui e nell’aldilà. Il nostro compito quali cristiani è di rendere nota questa luce attraverso le nostre parole e le opere di Gesù Cristo, di rendere nota la redenzione al nostro prossimo lasciandoci guidare dallo Spirito divino.

La Repubblica democratica del Congo comprende due Chiese regionali neo-apostoliche. Esse sono sotto la responsabilità degli apostoli di distretto Michael Deppner e Tshitshi Tshisekedi. Qui vivono ben oltre due milioni di neo-apostolici. Per questo, il Congo è fra le roccaforti della Chiesa Neo-Apostolica.

Il viaggio prosegue verso Gbadolite, Johannesburg e Maputo

Lunedì 27 ottobre, il sommoapostolo Schneider ha celebrato un servizio divino nella comunità di Gbadolite, nel nord della Repubblica Democratica del Congo, a circa 4 ore di volo da  Kinshasa. Colà, egli ha consacrato due vescovi; poi si è recato a Johannesburg, nell’area d’attività dell’apostolo di distretto Patrick Mkhwanazi, per celebrare un servizio divino per ministri. La sua ultima tappa è stata la comunità di Maputo (in Mozambico), dove domenica 2 novembre, ha avuto luogo il servizio divino a favore dei defunti.

Parola di Pentecoste 2008

„Carissimi, se Dio ci ha tanto amati, anche noi dobbiamo amarci gli uni gli altri.“ (1. Giovanni 4, 11)