Notizie dal mondo

Seconda parte della relazione Canada: Servizio divino per la gioventù a Quebec

29.08.2005

Quebec. Domenica, 28 agosto 2005, il sommoapostolo Wilhelm Leber celebrò il suo primo servizio divino in inglese, da quando porta questo ministero. Lui aveva invitato i giovani per un servizio divino della gioventù nella Lasalle Albert Rosseau Hall a Quebec City, Canada. Lo accompagnavano l'apostolo di distretto Leslie Latorcai, gli aiutanti d'apostolo di distretto Michael Deppner, Frank Dzur, Urs Hebeisen, John Sobottka e Mark Woll, nonché l'apostolo Ken Kreutner.

Il sommoapostolo salutò i giovani con una parola biblica da Romani 15, 29: "...e so che, venendo da voi, verrò con la pienezza delle benedizioni di Cristo". All'inizio del suo servire pose la domanda ben nota, che fu rivolta a Adamo e che ci è tramandata nel primo libro della Bibbia: "Dove sei?" Egli domandò i giovani partecipanti al servizio divino: Dove sei tu per quanto riguarda la fede, la preghiera, la collaborazione? Dove sei tu in quanto alla gioiosa attesa del Figlio di Dio che verrà? Esortò i giovani, dicendo: "Date a Dio un'opportunità per benedirvi!" In merito a questo citava diversi esempi dalla Sacra Scrittura:

Abramo, perché era ubbidiente. Mosè, perché serviva il Signore sino alla sua fine. Davide, perché era umile e confidava in Dio. Daniele, perché pregava a Dio. Nel contesto il sommoapostolo disse che tutto questo è valido anche per noi oggi: vogliamo essere ubbidienti e seguire i messaggeri di Dio, vogliamo servire il Signore con le nostre doti e i nostri doni ricevuti, vogliamo essere umili e pregare al Signore - tutto questo ci procura la benedizione divina.

Dopo il servizio divino tutti i partecipanti si radunavano per il pranzo nella mensa della Laval University. Seguì un'ora di domande e risposte con il sommoapostolo, la quale è stata definita da tutti i partecipanti come molto interessante e informativa.

Nel pomeriggio il sommoapostolo e i suoi accompagnatori erano ospiti della gioventù in una gita con un battello.

(Cliff Guckenberger)