Notizie dal mondo

Il GP "Questioni che riguardano il tempo attuale": Rispondere a questioni che riguardano il tempo in cui viviamo fa parte dei compiti della Chiesa

09.12.2004

I membri del GP "Questioni che riguardano il tempo attuale" sono concordi nell'affermare che la Chiesa debba rispondere a questioni riguardanti il tempo in cui viviamo. Non lo considerano tuttavia un solo dovere, riunirsi in circa 18 giorni lavorativi supplementari all'anno. Il loro commento unanime: "Il nostro lavoro deve servire a sostegno della cura delle anime."

Werner Kühnle (55), apostolo attivo nella Germania meridionale, partecipa ai lavori sin dall'inizio e dal 2002 dirige il gruppo progettistico "Questioni che riguardano il tempo attuale". Il suo predecessore, l'apostolo a riposo Theo Hirschi che vive in Svizzera, era il presidente del gruppo sin dalla sua fondazione nel 1987. Nel dicembre dell'anno scorso è stato congedato dalle sue funzioni e insieme a lui sono usciti anche il pastore a riposo Arnold Schönrock, pure lui dalla Germania meridionale, e l'apostolo Gerrit Sepers (57, CNA Paesi Bassi). Da allora sono rimasti tre membri ancora: l'apostolo Werner Kühnle, la sorella Dr. med. Bärbel Wolff (Germania meridionale) e il sacerdote Roland Eichenberger dalla Svizzera.

Le prime tematiche furono: AIDS, depressioni e omosessualità. Con l'andare del tempo se ne aggiungevano altri. L'apostolo Kühnle: "Nel corso degli anni abbiamo elaborato oltre 20 tematiche diverse, le quali poco a poco hanno trovato la loro applicazione nelle attività ecclesiastiche. Con tematica si intende una questione, un tema, un progetto che vengono proposti all'assemblea degli apostoli di distretto. Dopo di che, il sommoapostolo dà l'incarico al GP di elaborare una presa di posizione. Queste valutazioni devono corrispondere a certi criteri: al centro sta il punto di vista della fede neo-apostolica, si devono definire i gruppi ai quali si rivolge la tematica, si deve elaborare un concetto d'introduzione. Infine i testi elaborati devono percorrere un iter attraverso le istanze, lungo ma necessario: gruppo di coordinazione, assemblea degli apostoli di distretto, sommoapostolo, prima che si giunga al prodotto finito.

Dalla sua lunga esperienza quale presidente del GP, Theo Hirschi riferisce: "C'è un bisogno di risposte della Chiesa sulle innumerevoli questioni e domande che ci pone la vita." Ad esempio sul tema dell'interruzione della gravidanza il GP indisse un simposio di un giorno intero, al quale partecipavano specialisti provenienti da molte Chiese regionali neo-apostoliche. Tra di loro v'erano medici, psicologi, giuristi. Al termine delle consultazioni il GP formulò un'elaborazione dettagliata, la cui versione breve (vedi riquadro 3) tra l'altro è pubblicata nell'opuscolo "Regole e princìpi". "Le tematiche devono stare in una relazione con la Chiesa", dice Werner Kühnle. Con questo lui intende il diretto rapporto con le cure spirituali neo-apostoliche tramite i sacerdoti, oppure con l'istruzione dei bambini tramite gli insegnanti della dottrina domenicale. Sovente si rivela utile uno sguardo all'esterno della Chiesa, come è avvenuto nell'esempio dell'opuscolo sulle dipendenze (vedi Unsere Familie 2/03).

Un nuovo compito, al quale il GP sta lavorando attualmente, è il tema che concerne gli abusi sessuali da parte di ecclesiastici. Tra le domande che devono essere appurate, vi sono le seguenti: che cosa fa la Chiesa contro tali abusi? Come è possibile aiutare le vittime e i colpevoli? Si sta allestendo un documento a tal riguardo.

Due altri opuscoli sono in corso di elaborazione: "Matrimonio e convivenza" ed "Educazione dei bambini". Il pensiero centrale che è comune al lavoro per entrambi gli opuscoli, è il fatto che nella società in cui viviamo ci sono troppo pochi punti di riferimento che sappiano offrire una risposta intelligente e orientata sulla fede. "La Chiesa deve formulare risposte proprie sul tema dell'educazione dei bambini o su quello della convivenza e del matrimonio", dice l'aposto-lo Kühnle. "Soltanto se i genitori o i coniugi sanno come decidere con senso di responsabilità, potrà diventare realtà il principio della responsabilità personale. La Chiesa non intende dare delle imposizioni, essa vuole condurre alle giuste decisioni prese nella consapevolezza delle proprie responsabilità".

Una domanda sempre presente in sottofondo è: che cosa è efficace? L'apostolo Kühnle: "I molti fallimenti di convivenze e matrimoni sono un peso per i protagonisti, ma anche per la società. Perciò l'opuscolo dà accenni chiari ed esaurienti, dal punto di vista della nostra fede, per quanto concerne il tempo prima del matrimonio, durante la convivenza e nel matrimonio, nonché per come si debbano risolvere i conflitti nel matrimonio e nella famiglia."

Per la creazione dell'opuscolo "Educazione dei bambini" il GP ha letto molti libri specializzati. Si sono raccolte oltre 160 pagine A4 di testi tratti dalla letteratura vagliata, i quali sono stati immessi in una banca dati programmata dal GP stesso. Così i genitori ricevono utili accenni per l'educazione, in modo conciso e senza dover cercarli nei più svariati manuali. Werner Kühnle: "L'obiettivo principale dell'opuscolo è quello di fornire ai genitori dei pensieri utili per un'educazione che possa preparare i bambini per la vita e possa renderli saldi nella fede." La Chiesa ha forse tralasciato qualcosa o commesso degli errori? L'apostolo Kühnle: "Il nostro opuscolo non si prefigge di rivangare nel passato, bensì vuole offrire dei pensieri validi. Esso fornisce degli accenni dal punto di vista della nostra fede, per quanto riguarda lo sviluppo prenatale del bambino, il comportamento dei genitori nelle svariate fasi di vita del bambino, nonché sulle relazioni con gli adolescenti e giovani fino alla scelta del partner."

Entrambi gli opuscoli (in lingua tedesca) dovrebbero probabilmente essere disponibili quali prodotti della casa editrice entro l'anno e potranno essere ordinati tramite "Unsere Familie".

Il GP Questioni che riguardano il tempo attuale
Il Gruppo Progettistico "Questioni che riguardano il tempo attuale" venne istituito già nel 1987 dal sommoapostolo Hans Urwyler. Le prime tematico furono allora: AIDS, omosessualità, depressioni. Fino ad oggi sono state trattate 21 tematiche diverse. I membri attuali del gruppo sono: l'apostolo Werner Kühnle, la signora Dr. med. Bärbel Wolff (Germania meridionale) e Roland Eichenberger, un sacerdote proveniente dalla Svizzera. Alcuni risultati del lavoro del GP si trovano ad esempio nell'opuscolo "Regole e princìpi".
Nuovi opuscoli "Educazione dei bambini" e "Matrimonio e convivenza"
Pubblicazione: probabilmente nel 2005. Destinatari: tutte le donne e gli uomini che educano bambini, insegnanti della dottrina domenicale e dell'istruzione religiosa, giovani, ministri. Contenuto: l'opuscolo "Matrimonio e convivenza" offre accenni esaurienti riguardanti la scelta del partner, il tempo prima del matrimonio, la convivenza e il matrimonio, la conciliazione di conflitti matrimoniali. L'opuscolo "Educazione dei bambini" offre in forma concisa utili accenni sullo sviluppo prenatale del bambino, sul comportamento dei genitori nelle svariate fasi di vita del bambino e sulle relazioni con gli adolescenti e giovani fino alla scelta del partner.
Versione abbreviata "Interruzione della gravidanza"
"La Chiesa Neo-Apostolica si intende come protettrice della vita. Già l'ovulo fecondato rappresenta una vita a sé stante, la quale per principio ha diritto alla protezione. La Chiesa Neo-Apostolica a priori non approva le interruzioni della gravidanza. Ciò nonostante la Chiesa è consapevole del fatto che ogni caso deve essere vagliato individualmente e seriamente. Nella ricerca della giusta soluzione nel singolo caso può essere utile consultare medici e curatori d'anime. Ma il parere del medico è solo uno degli aspetti che devono essere presi in considerazione dagli interessati; vi sono anche le questioni etiche e religiose. Inoltre vale che la Chiesa rispetterà la decisione riguardante un'interruzione della gravidanza, presa dalla madre, risp. dalla coppia, con senso di responsabilità personale; i genitori ed eventualmente anche il bambino saranno assistiti senza riserva alcuna. Le cure spirituali sottostanno all'obbligo del segreto ministeriale."

 







 

Categoria: Notizie dal mondo