Notizie dal mondo

Il GP Cura della gioventù: Un assistente spirituale comprensivo quale interlocutore

26.07.2004

Zurigo. Il nuovo concetto concernente la gioventù, chiamato per esteso "Cura della gioventù nella Chiesa Neo-Apostolica", è strutturato nelle tre seguenti tematiche: Comprensione della fede - Vita pratica nella fede - Aiuto per la vita. I membri del Gruppo Progettistico contano di poter terminare quest'opera ancora nel corso dell'anno. Per iniziare essa conterrà, oltre alla descrizione del concetto concernente la cura della gioventù, anche 10 delle 45 lezioni complessive che serviranno per le serate della gioventù. L'opera si rivolge agli assistenti della gioventù nell'ambito delle comunità.

Edmund Stegmaier (59), apostolo proveniente dalla Bassa Sassonia, è il presidente del Gruppo Progettistico, il quale fu istituito nel 1998 dal sommoapostolo Richard Fehr nell'intento di armonizzare su scala mondiale i contenuti principali ed essenziali del lavoro della Chiesa Neo-Apostolica per la gioventù, nonché di coordinare le tematiche e l'organizzazione. Ulteriori membri sono l'apostolo Günter Wiktor (64) dalla Renania-Vestfalia, l'apostolo Michael Ehrich (44) dalla Germania meridionale, il vescovo Arvid Beckmann (45) dalla Germania settentrionale, l'apostolo Gerrit Seepers (58) dai Paesi Bassi, l'evangelista di distretto Jürg Meier (50) dalla Svizzera, l'aiutante d'apostolo di distrettto Frank Dzur (45) dal Canada e l'evangelista di distretto Robert Ehmer (39) dagli Stati Uniti. I diversi membri provengono dunque dall'Europa e dall'America del Nord, e questo evidenzia che l'armonizzazione del lavoro per la gioventù dovrà essere realizzato soprattutto nel mondo industrializzato. Voler estendere l'unificazione anche ad altre regioni significherebbe trascurare le differenze culturali di queste nazioni.

Durante la riunione costitutiva nel 1998, il sommoapostolo espresse il desiderio che l'attività della Chiesa Neo-Apostolica a favore della gioventù sappia consolidare la viva fede verace in Dio e la gioiosa speranza per il ritorno di Cristo. Perciò l'incarico conferito al GP contiene tre mete essenziali: la realizzazione di un concetto globale per la cura della gioventù nella Chiesa Neo-Apostolica, la definizione di criteri per la scelta dei numerosi collaboratori volontari nell'assistenza della gioventù e la preparazione di mezzi ausiliari per il sostegno del loro lavoro, nonché la stesura di direttive per lo svolgimento delle regolari serate della gioventù.

Il Gruppo Progettistico si riunisce in media 6 volte all'anno, ogni volta per 2-3 giorni lavorativi. Particolarmente impegnativa è l'elaborazione delle direttive per le serate della gioventù. Queste richiedono molto tempo, perché non solo bisogna trovare un tema che sia interessante per i giovani, ai quali è destinato, ma perché si tratta anche di fornire delle indicazioni per il procedere metodico e didattico.

Quali sono i temi che gli assistenti della gioventù nelle singole comunità potranno proporre al gruppo dei giovani? Nella tematica della comprensione della fede spiccano tra l'altro i temi: "Essere neo-apostolici - perché e a quale scopo?", "I dieci comandamenti - imposizioni o un aiuto per la vita?", oppure "Valori duraturi". Nella tematica della vita pratica nella fede troviamo come esempi di temi: "Vivere i servizi divini in modo intensivo", "Riconoscere dottrine estranee", oppure "Amore attivo per il prossimo". Nel capitolo dell'aiuto per la vita vengono trattati temi come: "Saper usare i massmedia", "Realizzare se stessi", oppure "Far fronte a problemi - trovare delle soluzioni nei conflitti".

Complessivamente il GP lavora su 45 temi, i quali, poco a poco, dovranno essere messi a disposizione degli assistenti della gioventù in modo completo e ben elaborato dal punto di vista didattico. Caratteristico per la didattica è il fatto che si richiede soprattutto la collaborazione da parte dei giovani. Le serate per la gioventù hanno piuttosto carattere di un workshop, e si pone un accento maggiore sul colloquio, sul dialogo.

L'iter di approvazione per tutti questi articoli richiede un tempo non indifferente, ma è indispensabile. Si svolge più o meno nel seguente modo: i membri del GP scrivono il loro articolo personalmente o delegano la stesura ad altri, poi l'intero gruppo discute questa prima proposta del testo. In seguito è coinvolta anche la redazione teologica della casa editrice Friedrich Bischoff, perché, soprattutto nelle lezioni che si riferiscono alla fede, eventualmente si possono adottare delle affermazioni tratte da altre pubblicazioni. Poi si procede ad una traduzione dell'articolo in inglese, la quale viene trasmessa negli USA e in Canada, dove i due membri di lingua inglese leggono il testo molto attentamente, facendo i loro commenti. Infine il Gruppo di Coordinazione (GC) si occupa dell'articolo soprattutto dal punto di vista del contenuto. Soltanto quando tutte le correzioni sono state inserite, il tema è definitivamente concluso e sarà allegato al catalogo dei lavori finiti.

Qual è il pensiero alla base di questo procedere impegnativo, ma molto accurato, per giungere alle direttive definitive? Edmund Stegmaier dice al riguardo: "Meta primaria e punto centrale delle cure spirituali per i giovani è il ritorno di Cristo. Per raggiungere questa meta, ogni sorella e ogni fratello deve avere al suo fianco un assistente spirituale comprensivo quale interlocutore personale."

I membri del GP sono concordi che questa massima vale in tutte le Chiese regionali nel mondo intero, nonostante le condizioni di vita sostanzialmente differenti.

Il GP Cura della gioventù
Il Gruppo Progettistico Cura della gioventù è stato fondato il 5 maggio 1998 dal sommoapostolo Richard Fehr. L'obiettivo era di elaborare un concetto per la cura della gioventù neo-apostolica, applicabile su scala mondiale - o almeno nel mondo industrializzato -, che sappia armonizzare il lavoro a favore della gioventù nei contenuti e nell'organizzazione. I membri attuali sono: l'apostolo Edmund Stegmeier (presidente), l'aiutante d'apostolo di distretto Frank Dzur, l'apostolo Michael Ehrich, l'apostolo Gerrit Seepers, l'apostolo Günter Wiktor, il vescovo Arvid Beckmann, l'evangelista di distretto Robert Ehmer e l'evangelista di distretto Jürg Meier.
Cura della gioventù nella Chiesa Neo-Apostolica
Quest'anno ancora dovranno essere distribuite le prime lezioni (di complessive 45) agli assistenti della gioventù nelle comunità. I singoli temi sono suddivisi in tre capitoli: Comprensione della fede - Vita pratica nella fede - Aiuto per la vita. Ma vi saranno anche numerose e dettagliate indicazioni sull'organizzazione del lavoro a favore della gioventù. Il pensiero centrale della cura della gioventù consiste nell'offrire ai giovani neo-apostolici un assistente spirituale comprensivo quale interlocutore personale. La meta primaria è quella di preparare i giovani per la rivenuta di Cristo. Questo significa che si dovrà svegliare in loro l'entusiasmo per i valori della fede e che bisognerà aiutarli a maturare quali personalità forti nella fede. In tale contesto è determinante l'esempio dato dalla guida della gioventù, la quale abbia a prendersi a cuore e a mettere in pratica i principi della linea guida "Servire e condurre nella Chiesa Neo-Apostolica" (vedi www.nak.org/le/le-i-0105.html).

 






 

Categoria: Notizie dal mondo