Messaggio di Pasqua del sommoapostolo: vivere con Cristo!

23.04.2014

Un altare riccamente ornato a Hilversum

Si sono riuniti circa 650 fedeli

Una vetrata colorata (foto: CNA NRW)

Hilversum/Zurigo. „Abbiamo un Dio che ci ama, che ci capisce e che è con noi. Abbiamo un Dio che ama il peccatore e che gli è vicino, è la gioia della Pasqua!“ Il sommoapostolo Jean-Luc Schneider si è recato a Hilversum con questi pensieri. Circa 650 fedeli si sono radunati la mattina di Pasqua nella chiesa centrale dei Paesi Bassi. Il servizio divino è stato abbellito da una grande coro e da un’orchestra.

Come base per il servizio divino il sommoapostolo ha letto una parola in Atti 4, 33: „Gli apostoli, con grande potenza, rendevano testimonianza della risurrezione del Signore Gesù; e grande grazia era sopra tutti loro.“ La guida internazionale della Chiesa ha illustrato la forza della risurrezione e le conseguenze per la fede cristiana. „La risurrezione di Gesù è l’inizio della gioia per tutti i cristiani!“ La fede nella risurrezione ha cambiato sostanzialmente l’immagine di Dio: dalla presentazione ebraica di un Dio giudice, i comandamenti del quale era praticamente impossibile osservare pienamente, la fede cristiana si indirizza a un Dio d’amore, di grazia e equità, dice il sommoapostolo Schneider. Questa è anche la ragione perchè la cristianità non santifica più il Sabbat, bensì il primo giorno della settimana, il giorno in cui Cristo è risorto. Il sommoapostolo continua: „Oggi è per noi la domenica. Riconosciamo la risurrezione di Gesù tramite la visita dei servizi divini “.

La forza della risurrezione

Attraverso la risurrezione, la fede degli uomini verso Gesù Cristo è cambiata. La fede si basava più su miracoli e segni di Gesù. Dopo Pasqua, la fede era rivolta verso la risurrezione: „Questa fede diede loro molta forza. Hanno rinnovato il coraggio, riconoscendo che la morte non li avrebbe separati da Gesù.“ Con questo, il sommoapostolo Schneider crea la relazione con la parola che sta scritta negli Atti: „Se la nostra fede si basa solamente su miracoli e segni, essa sarebbe molto debole e non potrebbe superare la prima tormenta“. Chi si attiene al Vangelo non ha necessariamente una vita più facile. “Ma ha la certezza che Gesù ci ama, ci aiuta e che nessuno lo può impedire, crea il coraggio per affrontare le sfide della vita.“

La forza dell’amore verso il prossimo

La guida della Chiesa ha menzionato anche il significato del perdono dei peccati. Gesù ne ha parlato sovente, abbinandolo alla condizione di perdonare anche al prossimo. Il sommoapostolo Schneider dice: „Poiché Gesù è risuscitato, egli è Figlio di Dio. Dato che è Figlio di Dio, egli può perdonare i peccati. E siccome egli può veramente perdonare, vale la pena di perdonare il prossimo.” Il sommoapostolo chiude il messaggio pasquale dicendo: “Alla fin fine, la risurrezione è anche la promessa e la base per la nostra risurrezione”. La speranza ebraica consisteva nel riposare in pace nel regno dei morti. Cristo, con la sua risurrezione, ha però creato nuove dimensioni. 

„Se vogliamo risuscitare con lui, dobbiamo vivere con e per lui oggi!“. Questa non era solo la conoscenza degli apostoli d’allora; questo valga anche per noi oggi. „Vogliamo essere fraterni nella comunità, dividere gioia e dolore”, esorta il sommoapostolo. “Serviamo Dio se serviamo il prossimo.“

Categoria: Europe, Germany, Swiss, France