News CNA Internazionale

Parola dell’anno 2015: Joy in Christ – La joie en Christ – La gioia in Cristo

02.01.2015

Il sommoapostolo Jean-Luc Schneider

La comunità di Capodanno lo aspetta

"Gioia in Cristo" (foto: CNA NRW)

Zurigo. „Gioia in Cristo“ – Il sommoapostolo Jean-Luc Schneider rivolge questo motto per il nuovo anno 2015 a tutte le comunità neo-apostoliche della terra. Egli vuole rammentare alla forza che i cristiani possono ricevere in un’intenso rapporto con il Figlio di Dio. Nessuno sa, nemmeno lui, ciò che il nuovo anno porterà; nonostante questo, potremmo già ora definire delle priorità.

Il servizio divino di Capodanno nella Chiesa regionale della Renania del nord e Westfalia con la guida della Chiesa è stato atteso con ansia. Il sommoapostolo Schneider si è recato a Herne-Wanne-Eickel, dove si trova una chiesa neo-apostolica con 1.000 posti a sedere.  Egli ha sottolineato l’importanza della gioia interiore portando diversi esempi concreti. Per esempio la gioia nelle comunità. Anche in una comunità si può vivere nella gioia, anche se è piccola oppure i membri hanno caratteri molto diversi. Il sommoapostolo dice: „Vogliamo essere consapevoli che Dio ci ha riuniti per poter condurci insieme nel Regno di Dio“. La comunità non è però un gruppo di clienti consumatori, ma una comunità di lavoro che ha bisogno di ognuno. Stimare il prossimo, accoglierlo come un discepolo di Dio, collaborare nella comunità; questi alcuni aspetti che possono aumentare la gioia. Per una comunità è cosa particolare quando un bambino viene battezzato. Già Gesù disse a suo tempo che nel cielo vi è gioia per un peccatore che viene a Dio. Questa gioia la può vivere anche la comunità.

Rallegrarsi insieme

Il sommoapostolo è consapevole che un tale motto, considerate le prospettive per il futuro e la situazione in certe comunità, potrebbe sembrare lontano dalla realtà. Però: „Se la situazione è così, vuol anche dire che Dio l’ha permessa. Questo lo credo fermamente“ dice il sommoapostolo Schneider. Ogni tanto egli ha la sensazione che è più facile essere tristi insieme piuttosto che gioire insieme: „Noi uomini siamo talvolta invidiosi quando altri mostrano la loro gioia.“ Con l’amore divino, ognuno è in grado di rallegrarsi con il prossimo; „Provalo anche tu“, esorta il sommoapostolo Schneider.

E tutto dovrebbe riferirsi al Signore: Egli ha promesso di ritornare, questo rimanga l’obiettivo della fede dei cristiani neo-apostolici! Egli ci dà la pace, ascolta le nostre preghiere, dà forza nel combattimento contro il peccato.

Gioia ogni giorno

Il sommoapostolo augura ai fedeli di avere gioia anche nel quotidiano.  Questo non è facile, pensando a tutte le possibili situazioni giornaliere, Dio però dà le doti e le forze necessarie. Il sommoapostolo ha anche dato coraggio ai fedeli dicendo: „Nel nuovo anno non ci aspettano solamente delle prove, ma anche buone cose come l’aiuto di Dio“. Ognuno può avere gioia anche per la salute e più soldi. Una desiderio del sommoapostolo: „Impieghiamo ciò che il buon Dio ci dà nel senso del Vangelo.“ e: „Se il prossimo ha gioia, allora anche noi possiamo gioire con lui.“

Allocuzione di Capodanno online

La guida internazionale della Chiesa ha celebrato il suo primo servizio divino di quest’anno a Herne-Wanne-Eickel. Il servizio divino è stato trasmesso via satellite in molte comunità della Renania del nord e Westfalia e altre Chiese regionali europee. Il sommoapostolo ha dato per quest’anno il motto: „Gioia in Cristo“ , dando indicazioni sulle fonti della gioia.  

Leggete il nostro resoconto  sul sito della Chiesa regionale neo-apostolica della Renania del nord e Westfalia.

Anche la nuova rivista web nac.today ha per tema il motto dell’anno e mostra l’allocuzione di Capodanno del sommoapostolo Jean-Luc Schneider.