News CNA Internazionale

Preludio alla festa della fede

06.06.2014 Autore: A. Rother

Previsti circa 45.000 partecipanti

Parole di benvenuto ufficiali da parte della Chiesa e della politica

104 bandiere da tutto il mondo (foto: CNA sud)

Monaco di Baviera/Zurigo. Il sommoapostolo Jean-Luc Schneider ha aperto ufficialmente la giornata internazionale della Chiesa (GIC) a Monaco di Baviera quale festa d’incontro e con la preghiera di poter vivere Dio. Decine di migliaia di visitatori hanno vissuto questa prima  per la Chiesa Neo-Apostolica nello stadio olimpico.

"Mi rallegro molto di poter vivere questa festa con voi ", dice il sommoapostolo Schneider. "Vi auguro molti incontri." A questo proposito, i fratelli e le sorelle possono vivere le loro differenze ma anche le loro cose comuni e impare ad avere più comprensione tra di loro. Il sommoapostolo ha sottolineato più volte davanti alla molta gente che lo applaudiva: "Jean-Luc Schneider resta un essere umano ed è solamente un servitore di Dio".

104 bandiere da tutto il mondo

Con la ola (onda), applausi e canti, il pubblico ha procurato un buon ambiente già prima dell’inizio della manifestazione. Molti colori hanno marcato l’entrata delle nazioni nello stadio. Più di 100 giovani portatori di bandiera divisi in due gruppi hanno fatto un giro d’onore nello stadio prima che un grande telo con 104 bandiere si è alzato sopra il palco.

I rappresentanti dei continenti si sono presentati attraverso sequenze video e live. I saluti della guida della Chiesa e fratelli e sorelle di tutto il mondo hanno avuto spesso aspetti umoristici. Qui si è visto anche cosa lega la Chiesa Neo-Apostolica, oltre alla fede, su tutto il mondo: la molteplice gioia nella musica.

Il biglietto da visita si è poi fatto vedere con i contributi musicali dei rappresentanti dei continenti sul palco. Il pubblico ha applaudito freneticamente dopo il canto popolare "Zulu Mama" del Cape Town Male Choir. Ascoltatori entusiasti hanno ringraziato l’orchestra di Anklung della Chiesa regionale dell’Asia sud orientale.

Frank Heinke ha intonato canti australiani da lui composti come: "All is one" con il Didgeridoo, appoggiato ritmicamente dagli applausi del pubblico. L’inno tradizionale della comunità "Let us sing with joyful voice" è stato cantato in stile Boogie americano dalla EJT-Big-Band, conosciuata dalla GIG 2009. L’Europa è stata rappresentata dal quintetto di fiati della giovane filarmonia della Chiesa regionale della Germania del sud con "Prince of Denmark March".

Parole di saluto ufficiali

La Dr. Elisabeth Dieckmann, direttrice della comunità di lavoro della Chiese cristiane in Germania (ACK), ha portato i migliori auguri da parte delle Chiese cristiane. La dottoressa ha ricevuto molti applausi allorquando si è rivolta al pubblico con: "Care sorelle e cari fratelli ". Il Dr. Christoph Hillenbrand, presidente dell’autorità dell’Alta Baviera, ha lodato il copioso programma e l’impegno esemplare.

La GIC offre, durante tutto il fine settimana sul terreno olimpico, manifestazioni, concerti, presentazioni e discussioni dalla Germania, Europa e oltre mare con temi sulla coscienza, domande di attualità, vita di comunità, storia, società, musica, missione, ecumene e cura dell’anima. Il punto culminante è stato il servizio divino del sommoapostolo Jean-Luc Schneider, trasmesso via satellite in tutto il mondo.

"Dio è qui, Dio è qui, egli è incredibilmente vicino", questo il ritornello dell’inno ufficiale dalla GIC, cantato da decine di migliaia di voci. È iniziata una festa della fede.

Categoria: News CNA Internazionale, Pentecost, Pentecost events, Europe, Germany, Swiss, France