News CNA Internazionale

Giornate internazionali della Chiesa: trasmissione del servizio divino sul mondo intero

23.05.2014

Il servizio divino di Pentecoste di quest’anno...

...verrà trasmesso nel mondo intero da Monaco di Baviera.

L’avvenimento sono le GIC 2014 (foto: CNA)

Zurigo. Il servizio divino di Pentecoste, che il sommoapostolo Jean-Luc Schneider celebrerà in occasione delle Giornate internazionali della Chiesa, sarà trasmesso via satellite, cavo in fibra ottica e radio nei 5 continenti e più di 100 Paesi. La predica sarà tradotta all’altare frase per frase in inglese e poi simultaneamente in 20 lingue.

Già venerdì 6 giugno 2014, le Giornate internazionali della Chiesa Neo-Apostolica (GIC) aprono le porte. Luogo di trasmissione è il parco olimpico a Monaco di Baviera. Sono attesi più di 40.000 partecipanti provenienti dalla Germania, Europa e oltre mare. Il momento spirituale culminante è il servizio divino di festa la domenica di Pentecoste: la guida internazionale della Chiesa, il sommoapostolo Jean-Luc Schneider, lo celebrerà nello stadio olimpico attorniato da numerosi ospiti provenenienti da tutto il mondo.

Tecnica satellitare geniale

La casa editrice di peroprietà della Chiesa, Bischoff di Francoforte, dirige la tecnica della trasmissione. Collaboratori del gruppo AV-Service si trovano a Monaco con il veicolo di trasmissione della casa editrice, da dove assicurano durante i tre giorni la proiezione di avvenimenti, workshops, discussioni, letture su schermi. La regia e la trasmissione degli avvenimenti, come pure del servizio divino, sono effettuati con la collaborazione di diversi partner.

Un veicolo di trasmissione mobile (Uplink) dell’emittente e provider Media Broadcast invia il segnale preparato negli studi della casa editrice Bischoff a Francoforte tramite un satellite del gruppo Eutelsat. A Francoforte i traduttori traducono la predica simultaneamente in più di 20 lingue.

Sul terreno a Monaco stanno pure altri due Uplinks: uno invia immagini, suono originale e traduzioni ai satelliti Eutelsat, i quali inviano a loro volta il segnale in tutta l’Europa, l’Africa del nord e parti dell’Asia. L’altro invia il segnale originle, come pure le traduzioni in francese, portoghese e spagnolo, tramite satelliti Eutelsat a stazioni radio a Usingen, Fuchsstadt e Gerusalemme. Da questi punti, la trasmissione prosegue via satelite e cavi in fibra ottica in altri continenti. A loro volta, le stazioni diffondono la trasmissione per satellite e radio ai ricevitori delle comunità. A causa della differenza di fuso orario, la trasmissione è registrata per l’America e ritrasmessa nelle comunità più tardi.

Streaming attraverso Internet

Per le comunità dell’Asia orientale, come pure per alcuni paesi dell’Africa e altri fedeli che non possono essere raggiunti via satellite, vi è la possibilità di vivere il servizio divino tramite livestream in internet. I partecipanti ricevono l’autorizzazione in anticipo dalle diverse Chiese regionali. Sono a disposizione dodici streams di diverse larghezze di banda e qualità, come pure diverse lingue.

Fitta rete di trasmissione in Europa

Al momento in Europa e parti dell’Asia ci sono più di 40 paesi con più di 1.600 chiese della Chiesa Neo-Apostolica predisposte alla ricezione di servizi divini via satellite e in parte per internet. La regione va dal nord della Scandinavia fino a Madeira, Malta, Cipro e Israele; e dalle Azzorre fino agli Urali.  

Dal luogo della trasmissione a Monaco, il segnale percorre circa 144.000 chilometri fino al luogo di ricezione. Tempo: meno di tre secondi.

Il segnale percorso via satellite lo vediamo da questo grafico (PDF).