News CNA Internazionale

Viaggio prolungato nell’Africa occidentale

22.01.2014

Benvenuto ad Accra (Ghana)

Consacrazioni alla fine del servizio divino

Una grande comunità ascolta (foto: CNA sud)

Zurigo. È stato un viaggio prolungato, quello che la guida della Chiesa Neo-Apostolica, il sommoapostolo Jean-Luc Schneider, ha effettuato nell’Africa occidentale. Egli ha visitato i paesi del Ghana, Benin, Niger e Burchina Faso. Nei servizi divini ad Accra (Ghana) e Porto Novo (Benin), egli ha congedato gli apostoli Houdnjo Paul Yedenou e Johnson Moses Jantuah, come pure il vescovo Eric Yaw Ampadu ponendoli a riposo.

Il sommoapostolo Schneider ha ringraziato „con tutto il cuore i uomini di Dio affermatisi in lunghi anni di servizio per il Signore e le anime affidate, effettuato con amore, fedeltà e umiltà“ e ha augurato loro un pensionamento riccamente benedetto dal Signore. Il sommoapostolo ha pure sottolineato la volontà di chiudere le lacune. Due apostoli e due vescovi hanno ricevuto un nuovo ministero: per il Ghana sono stati consacrati George Nortey Anom (52) come apostolo, Charles Addo Asare (51) e Charles Kesse (40) come vescovi. Vincent Yedenou (27) è stato consacrato quale nuovo apostolo per il Benin.

Venire, vedere e restare

La guida della Chiesa ha salutato i partecipanti al servizio divino ad Accra con il messaggio: „vieni, vedi, resta!“. Egli ha celebrato il servizio divino con una parola tratta dal Vangelo di Giovanni 1, 38-39. Il sommoapostolo dice: „Per avere comunione con il Signore, dobbiamo credere in Lui ed essere obbedienti verso di Lui“. Poi, egli continua: „Nella luce dello Spirito Santo vediamo il suo operare nella nostra vita, nella sua Chiesa e nel nostro cuore. Restiamo perseveranti fino alla sua rivenuta.“

La fiducia è stato anche un tema del servizio divino a Porto Novo (Benin) del martedì 14 gennaio. Il sommoapostolo ha elaborato la parola in Matteo 14,27-29. Non è facile impegnarsi per il Signore, servirlo e portargli dei sacrifici. Il sommoapostolo ha esortato la comunità dicendo:  „Se però siamo coscienti che si tratta del nostro Salvatore, dello sposo della nostra anima, il quale ci chiama, allora possiamo trovare la forza per farlo tramite il nostro amore per Lui“.

Una settimana di viaggio

Il sommoapostolo Jean-Luc Schneider ha viaggiato una settimana intera nell’Africa occidentale. Dopo il suo servire a Porto Novo (Benin), egli è partito verso il Niger e il Burchina Faso. Colà, egli ha consacrato due nuovi vescovi per le Chiese regionali del Gambia e Niger.