News CNA Internazionale

Servizio divino per i ministri a Wiesbaden: "Combattere per ogni singola anima"

12.03.2006

Wiesbaden. In un servizio divino particolare per tutti i ministri della Chiesa Neo-Apostolica in Europa, il sommoapostolo Wilhelm Leber si è rivolto ai suoi fratelli, dicendo: "Vogliamo combattere per ogni singola anima". È questo il compito che il presidente della Chiesa internazionale ha dato per il futuro ai suoi fratelli nel ministero.

La Chiesa Neo-Apostolica conta poco meno di 30'000 ministri nelle Chiese regionali europee. Domenica, 12.03.2006, la guida suprema della Chiesa, il sommoapostolo Wilhelm Leber, ha tenuto per loro un servizio divino particolare, al quale erano invitate anche le mogli.

Dalla comunità neo-apostolica di Wiesbaden il servizio divino è stato trasmesso via satellite in 534 comunità europee. Erano allacciate anche comunità in Albania, nel Kosovo, in Finlandia e nel Libano, nello stesso modo come le comunità delle regioni tradizionali in Europa: dall'Inghilterra alla Spagna, dalla Repubblica Ceca alla Francia. Il sommoapostolo basava la sua predica su una parola biblica da Colossesi 2, 1+2: “Desidero infatti che sappiate quale arduo combattimento sostengo per voi, per quelli di Laodicea e per tutti quelli che non mi hanno mai visto di persona, affinché siano consolati i loro cuori e, uniti mediante l'amore, siano dotati di tutta la ricchezza della piena intelligenza per conoscere a fondo il mistero di Dio, cioè Cristo".

Da questo, il capo della Chiesa ha dedotto tre obiettivi per il lavoro quale ministro della Chiesa: i cuori devono essere rafforzati e uniti, la certezza e la comprensione devono aumentare. Egli esortava i suoi confratelli a combattere per ogni singola anima nella comunità: per i giovani come per i critici, per i complicati come per quelli che sono aggravati da problemi.
Hanno servito pure gli apostoli di distretto Armin Brinkmann (Renania del Nord, Vestfalia), Jean-Luc Schneider (Francia), Wolfgang Nadolny (Berlino, Brandeburgo) e Karlheinz Schumacher (Germania del Nord).

Dopo il servizio divino, la guida della Chiesa internazionale ha letto una presa di posizione riguardante il tema del matrimonio, dicendo, tra l'altro, che la cura del matrimonio richiede un grande senso di responsabilità. Tuttavia, diceva il sommoapostolo Leber, bisogna anche prendere atto che un matrimonio può essere alla sua fine. In tal caso, entrambi i coniugi devono essere accompagnati dalle cure pastorali.

Legga qui la presa di posizione del sommoapostolo sul tema "matrimonio".

 

Categoria: News CNA Internazionale, Europe, Germany, Swiss, France