News CNA Internazionale

La prima riunione degli apostoli di distretto in terra asiatica

10.02.2005

Singapore. Era la prima riunione degli apostoli di distretto (RAD) sul continente asiatico e contemporaneamente anche l'ultima con il sommoapostolo Richard Fehr, il quale, come è noto, intende andare a riposo in occasione del servizio divino di Pentecoste.

Sta nella natura delle cose che agli avvenimenti primi o ultimi si attribuisce una particolare importanza. Così era anche in questo caso. Nella sua parola di saluto al termine dell'assemblea, l'apostolo di distretto ospitante, Leslie Latorcai (Canada), ha citato il noto proverbio: "Tutto è bene quel che finisce bene". Con ciò faceva riferimento ai 17 anni di attività ministeriale del sommoapostolo, il quale - ha detto l'apostolo di distretto - in tutti questi anni dimostrava sempre anche uno "spirito disposto ai cambiamenti".

Prima della pausa di mezzogiorno gli apostoli di distretto e aiutanti d'apostolo di distretto, venuti da tutto il mondo, potevano dare uno sguardo ad una parte dei cambiamenti subentrati negli ultimi 17 anni: una proiezione di lucidi illustrava in modo eloquente i molti temi di cui si occupavano le riunioni degli apostoli di distretto negli ultimi anni. Questi temi spaziano su tutti i settori della vita ecclesiale: dottrina, organizzazione, questioni giuridiche, liturgia e tanti altri ancora.

La RAD di Singapore si è occupata tra l'altro anche della questione in quale momento un uomo debba essere dichiarato morto. La rispettiva elaborazione da parte del gruppo di lavoro Medicina, intitolata: "Morte cerebrale / morte cardiaca", sarà fatta conoscere in tutte le Chiese regionali mediante un concetto d'introduzione predefinito. In un secondo tempo pubblicheremo un particolare articolo su questo argomento.

I partecipanti alla RAD sono anche stati informati sugli ultimi sviluppi delle traduzioni di inni tratti dal nuovo innario di lingua tedesca. Nel servizio divino di Pentecoste si auspica di poter cantare diversi inni in più lingue possibili. Più tardi è previsto che 50 inni in 83 lingue rappresenteranno il patrimonio musicale comune di tutta la fratellanza neo-apostolica. Questi 50 inni saranno cantati nei servizi divini speciali con trasmissione satellitare. Il sommoapostolo e gli apostoli di distretto hanno appreso con soddisfazione che nel frattempo moltissimi fratelli e sorelle hanno acquistato il nuovo innario in lingua tedesca, il quale sarà introdotto ufficialmente nelle comunità a partire dalla Pasqua 2005.

Un altro punto centrale della RAD era l'elaborazione del tema: "Il cristiano neo-apostolico e la fede concernente l'aldilà". La RAD ha deciso di farne redigere un opuscolo in tedesco e inglese; per la divulgazione in altre lingue decideranno gli apostoli di distretto a seconda delle necessità. Anche su questo argomento pubblicheremo più tardi un articolo separato sulla nostra homepage.

In ultimo si è parlato anche della catastrofe causata dallo Tsunami nell'Oceano Indiano. Da tutto il mondo sono state raccolte somme ingenti di donazioni. Anche molti cristiani neo-apostolici vi hanno partecipato. Sui rispettivi conti umanitari della Chiesa sono stati versati ben oltre due milioni di Euro e le donazioni continuano. La riunione degli apostoli di distretto ha deciso di lasciar concludersi questa azione di aiuti.

La RAD si era riunita per una giornata intera, poi il sommoapostolo e tutti gli apostoli di distretto e aiutanti d'apostolo di distretto si recavano in aereo a Giacarta (Indonesia), per partecipare colà al servizio divino di festa di domenica, 6 febbraio 2005. Anche questo rappresentava un avvenimento eccezionale, perché mai finora tutti gli apostoli di distretto del mondo erano riuniti in Indonesia per un servizio divino di festa con il sommoapostolo. A tal riguardo si potrà leggere un articolo separato.