Parola del mese

Per l'inizio dell'anno 2004

Gennaio 2004

Abbiamo iniziato l'anno 2004 e abbiamo già trascorso i primi giorni del nuovo periodo. Che cosa ci accadrà nel corso dei prossimi dodici mesi? Nessun essere umano lo sa. È pur vero che ci sono delle persone che vorrebbero saperlo, e perciò si rivolgono a chiaroveggenti, cartomanti, indovini o astrologi. Lo fanno con la speranza di apprendere, mediante le loro "rivelazioni", qualcosa in merito al proprio futuro. Ma tali espedienti sono molto pericolosi e nella maggior parte dei casi finiscono con grosse delusioni.

Già millenni fa gli esseri umani cercavano di venire a conoscenza di ciò che il futuro avrebbe loro riservato; già allora si rivolgevano agli indovini. Nella Sacra Scrittura leggiamo a tal riguardo: "Non vi rivolgete agli spiriti, né agli indovini; non li consultate" (Levitico 19, 31), nonché: "I vostri indovini non v'ingannino" (Geremia 29, 8).

Naturalmente anche noi abbiamo un grande interesse per quanto riguarda gli avvenimenti che accadranno nelle future settimane e nei dodici mesi che ci stanno dinanzi. Ma, grazie alla consapevolezza che deriva dalla nostra bella fede, poniamo ogni giorno nuovamente nelle mani del nostro Padre celeste. Allora siamo ben protetti e sappiamo di essere circondati dalla sua grazia. Nessuno può farci un'offerta migliore. La nostra attenzione principale non si rivolge tanto agli avvenimenti qui sulla terra, bensì al nostro futuro spirituale. In questo siamo fortunati: possiamo indirizzarci a un'istanza che conosce il futuro perfettamente. Si tratta della massima autorità in questo campo, e si chiama: l'intervento dello Spirito Santo.

Vi auguro un 2004 benedetto dal Signore,<br/> <br/> il vostro<br/> Richard Fehr