Parola del mese

Pazienza e consolazione

Aprile 2000

È meraviglioso e grandioso: Dio non ci priva del suo amore e della sua grazia; ha pazienza col peccatore. E noi siamo talora peccatori e siamo privi della gloria di Dio (cfr. Romani 3, 23). Lui non si allontana da noi, bensì nella sua longanimità ci viene incontro con misericordia e compassione. L'apostolo Pietro dice al riguardo: "Il Signore non ritarda l'adempimento della sua promessa, come alcuni reputano che faccia; ma egli è paziente verso voi, non volendo che alcuni periscano, ma che tutti giungano a ravvedersi." (2 Pietro 3, 9). E ancora ne abbiamo il tempo e l'occasione!

La pazienza di Dio sia per noi d'esempio, affinché anche noi siamo pazienti - pazienti sotto la croce e nel dolore, pazienti nell'attesa della rivenuta del Signore. La pazienza dà al figliol di Dio una dignità particolare! L'apostolo Paolo diede il la massima: "Ma se speriamo quel che non vediamo, noi l'aspettiamo con pazienza." (Romani 8, 25). Noi confidiamo nel Signore, poiché dalla sua pazienza deriva pure la fiducia. Agli Ebrei fu rivolto l'invito che vale anche per noi: "Non gettate dunque via la vostra franchezza la quale ha una grande ricompensa! Poiché voi avete bisogno di costanza, affinché, avendo fatta la volontà di Dio, otteniate quel che vè promesso." (Ebrei 10, 35.36).

Il Padre celeste continua a donarci consolazione sulla nostra via della fede, soprattutto mediante l'operare dello Spirito Santo. Cosè la consolazione? Tutto ciò che lenisce i dolori dell'anima e reca nella sofferenza coraggio e speranza. Dio è il Dio che ci consola; i suoi servi sono mandati per consolare il suo popolo nella consapevolezza che Cristo, il Re, verrà presto per conquistare il suo regno. Esiste forse una consolazione più bella di quella che il Signore fece annunziare dal profeta Geremia: "Poiché io so i pensieri che medito per voi: pensieri di pace e non di male, per darvi un avvenire e una speranza." (Geremia 29, 11).

Non dimentichiamo che la pazienza di Dio ci sostiene giorno per giorno per tutto il periodo della grazia, perciò siamo grati a Dio per la sua consolazione.

Cordialmente<br/> suo

Richard Fehr

 

 

Parola del mese

I posti migliori

(Agosto 2019) Sui media, i “ranking” o classifiche sono molto prediletti e appartengono alle notizie più lette e... [leggi]