Parola del mese

Accrescimento

Marzo 1999

Accrescimento significa che un numero o un quantitativo diventa più grande. Gli Atti riferiscono al riguardo: "Ma la parola di Dio progrediva e si spandeva di più in più" (Atti 12:24). Poiché gli apostoli di quel tempo annunciavano la parola su una base sempre più ampia, essa acquistò nei fedeli credenti di intensità e di importanza. E con la crescita della parola di Dio si espandeva anche la giovane chiesa apostolica.

Anche negli atti degli apostoli dei nostri giorni ha valore la parola dell'apostolo Paolo ai Tessalonicesi: "...il Signore vi accresca e vi faccia abbondare in amore..." (cfr. 1 Tessalonicesi 3:12). Innanzitutto è molto importante che il Signore accresca in ognuno di noi la fede. Se lo fa, stiamo saldi e non cediamo. La fede proviene sempre dalla predica, il predicare però per mezzo della parola di Dio. Qui risiede tutto il mistero su come la fede può crescere, progredire ed espandersi.

Oltre alla fede anche l'amore abbia a moltiplicarsi in noi, a divenire più intenso, anzi "totale". "...l'amor di Dio", così disse l'apostolo Paolo, "è stato sparso nei vostri cuori per lo Spirito Santo" (cfr. Romani 5, 5). Ora si tratta di dare spazio a questo amore, affinché possa manifestarsi e svilupparsi. Allora i nostri cuori si riscaldano, e nulla potrà separarci dall'opera di Dio. Inoltre il Signore abbia ad accrescere in noi la speranza! Ogni servizio divino serve a rafforzare la nostra fiducia nella rivenuta del Signore. Se è divenuta certezza, se dunque è aumentata, la speranza preserva dal diventare, in questo ultimo tempo, stanchi e sonnolenti, indifferenti e freddi. Nella lotta quotidiana, nelle tentazioni e negli attacchi, ma pure nelle prove e nelle preoccupazioni, molte cose possono andare perse o venire indebolite. Perciò il Signore abbia sempre ad accrescere di nuovo, al suo altare, la fede, l'amore e la speranza.

Questo avviene per mezzo della parola di Dio e della sua grazia. Nel perdono dei peccati si sviluppa la grazia, anch'essa cresce e aumenta. Quanto si è modificato il contenuto dei servizi divini in questo senso grazie all'operare dello Spirito Santo: oggi si predica maggiormente dell'amore, della benevolenza, della benedizione di Dio, invece meno dei peccati, dei castighi, della morte e del diavolo. Qui non è forse accresciuta immensamente la consapevolezza della grazia? Dobbiamo esserne riconoscenti! Venir preparati e compiuti sotto questa grazia accresciuta sia una gioia per ognuno di noi.

Cordialmente<br/> suo

Richard Fehr

 

 

Parola del mese

Dare e avere

(Dicembre 2019) L'ultima pagina del calendario ci rammenta che l'anno volge inesorabilmente al termine. Quello che... [leggi]