Parola del mese

Responsabilità per le prossime generazioni

Febbraio 2015

Le Chiese hanno ancora un futuro? La fede cristiana in Europa è un modello che scompare? Domande del genere preoccupano molta gente. La risposta è chiara: la Chiesa di Cristo rimarrà fino alla fine. Questa convinzione è descritta nel compito che il Signore diede a Pietro: „…e su questa pietra edificherò la mia chiesa, e le porte dell'Ades non la potranno vincere“ (Matteo 16,18). Egli è attento che la sua parola venga annunciata e che i sacramenti siano dispensati, affinché la gente sia preparata al suo ritorno. Ma noi abbiamo la responsabilità di tramandare la fede a coloro che vengono dopo di noi.

„Questa promessa vale per voi ed i vostri figli“ – Questa parola nella Sacra Scrittura è una promessa e nel medesimo tempo un compito:  cari genitori, voi siete responsabili e dovete preoccuparvi che i vostri beni spirituali siano tramandati ai vostri figli.

Oggi è usuale che i genitori delegano molto ad altri: istituzioni di formazione, Chiesa, all’insegnante della dottrina domenicale e così via. In primo luogo, sono i genitori i responsabili dei figli. I genitori devono prendersi il tempo per dare ai loro figli le conoscenze della promessa, anche se il calendario è pieno di impegni. Bisogna portare i figli alla scuola di musica, allo sport, andare a prenderli dopo il tennis, eccetera. Niente da dire! Non dovremmo però preoccuparci di più della vita eterna dei nostri figli?  

Trasmettere la fede vuol dire anche organizzare la Chiesa di domani. Quale immagine della Chiesa trasmettiamo ai nostri figli? Come parliamo a loro della Chiesa? Si comincia già da casa. Come parliamo dei ministri? Come parliamo dei fratelli e delle sorelle? Di cosa parli quando a casa parli della Chiesa? Queste sono le informazioni che i tuoi figli ricevono da te! Questa è l’immagine che tu trasmetti ai tuoi figli!

Impulsi da un servizio divino del sommoapostolo

Parola del mese

Testimoniare di Cristo

(Agosto 2020) Ci sono molti motivi per visitare un servizio divino: il desiderio di sentire la vicinanza di Dio,... [leggi]