Parola del mese

Processi di trasformazione

Giugno 2011

Samuele scrisse al re Saulo in merito allo Spirito Santo, quello Spirito che ricadde sui discepoli riuniti a Gerusalemme alla festa di Pentecoste. Samuele ebbe il compito di ungere Saulo quale re. Poi, il profeta rivelò al futuro re cosa succederà in futuro e gli diede molte indicazioni; tra l’altro anche questa parola: „Allora lo spirito di Dio lo investì ed egli si mise a profetizzare in mezzo a loro.“ (1 Samuele 10). Qui si tratta di un gruppo di profeti, con i quali Saulo avrebbe dovuto incontrarsi e profetizzare con loro. Ai tempi del vecchio testamento vi erano gruppi di profeti che giravano il paese e profetizzavano, alcuni andavano in estasi. Vogliamo cambiare la parola „estasi“ con „entusiasmo“, poiché lo Spirito Santo possa agire secondo il nostro testo biblico: mediante lo Spirito Santo si è trasportati dal livello terreno a un livello superiore. Il profeta annunciò al re: „… e sarai cambiato in un altro uomo.“ Questo è l’effetto dello Spirito Santo: dapprima estasi ed entusiasmo, poi cambiamento in un altro uomo.

Vorrei soffermarmi sull’ultimo punto: lo Spirito Santo trasforma, cambia e fa si che si diventi un altro uomo. Questo è l’effetto dello Spirito Santo, questo è Pentecoste. La nostra vita terrena richiede tanto a noi tutti, ma se questo processo di trasformazione inizia e lo Spirito Santo agisce, allora le cose eterne si trovano sempre più al centro. Ogni essere umano possiede una naturale porzione di egoismo, ma sotto l’effetto dello Spirito Santo si ha il desiderio di essere una benedizione per gli altri. L’egoismo, l’amor proprio si affievoliscono sempre più e il desiderio di essere a disposizione di altri diventa sempre più grande. È un processo di trasformazione. Così agisce lo Spirito Santo. Ciò non vuol dire che dobbiamo rinunciare alle cose terrene, però centro resta nelle cose eterne.

Sotto l’effetto dello Spirito Santo avviene un processo di trasformazione, dove colui che è preso dall’arrabbiatura ha il desiderio di fare pace; questa trasformazione permette di cambiare l’abbattimento in coraggio. Tutto ciò è opera dello Spirito Santo e avviene proprio ciò che la Sacra Scrittura ci dice: si diventa un altro uomo.

Non è un cambiamento esteriore di una persona, ma il cambiamento di una persona in una personalità di fede: in un uomo di pace e di fede, di speranza e di calma aspettativa. Ciò viene visto da chi ci circonda e diventa un certo segno distintivo, veniamo riconosciuti.

Diamo allo Spirito Santo sempre più posto, affinchè questo processo sia visibile, noi come uomini di fede, della pace e di speranza; così arriveremo al compimento. Che il nostro cuore possa sempre essere ripieno della forza dello Spirito Santo.                                

(da un servizio divino del sommoapostolo)

Parola del mese

I posti migliori

(Agosto 2019) Sui media, i “ranking” o classifiche sono molto prediletti e appartengono alle notizie più lette e... [leggi]