Parola del mese

Dio tiene parola

Settembre 2009

Giacobbe era un uomo benedetto. Nonostante ciò, egli ha avuto delle difficoltà: ha dovuto lasciare il suo paese perché non era unanime con i suoi fratelli. Sulla via dell’esilio, il Signore gli è apparso in sogno: Giacobbe vide una scala che saliva fino al cielo e angeli che salivano e scendevano. In cima stava il Signore, il quale disse a Giacobbe: „Io sono con te e ti proteggerò dovunque tu andrai ….“ (vedi Genesi 28).

Questa parola è una promessa divina anche per il nostro tempo, Dio dice oggi: „Io sono con te e ti proteggo dovunque tu sia!“ Il Signore è sempre con coloro che lo temono. Restiamo nel timore di Dio, aneliamo e adoriamo il Signore; allora egli sarà con noi e ci proteggerà. Per questo però dobbiamo fare qualche cosa: restare fedeli!

Dio disse a Giacobbe: „[io] ti ricondurrò in questo paese.“ Anche questo lo possiamo adattare a noi: il Signore vuole condurci nel paese della magnificenza, egli ci ha preparato un luogo nel cielo. Il Signor Gesù ha detto ai suoi discepoli che egli andava a preparare un luogo per poi ritornare a prenderli (vedi Giovanni 14). Se restiamo timorosi di Dio e a lui fedeli, il Signore ci condurrà nella magnificenza e colà saremo riuniti. Se noi però percorriamo le vie nostre e non restiamo fedeli, allora il buon Dio non lo farà, dato che non costringe nessuno, ma offre solamente. Nel sogno di Giacobbe concernente la scala, Dio dice alla fine: „Perchè io non ti abbandonerò prima di aver fatto quello che ti ho detto“, in altre parole: Dio assicura che terrà la sua promessa. Lasciatemi descrivere alcune promesse divine:

- „domandate e vi sarà dato!“ Il Signore Gesù ha detto ciò, è una promessa divina. Se domandiamo al Signore qualcosa in fede, ce lo darà!

- un’altra promessa dice: „cercate dapprima il regno di Dio e la sua giustizia e il resto vi sarà dato“ però dobbiamo agire anche noi. La promessa non è data a tutti, ci sono certe condizioni da riempire. Se si mira dapprima al regno di Dio e non a cose terrene, se il regno di Dio sta al primo posto, allora Dio ci benedice.

- penso ad un’altra promessa di Gesù: „Chi mi riconosce davanti agli uomini, io lo riconoscerò davanti al mio Padre celeste.“ Riconosciamo dunque la nostra fede: siamo figlioli di Dio, siamo neo-apostolici battezzati con lo Spirito Santo! Allora possiamo essere sicuri che Gesù ci riconoscerà davanti al suo Padre celeste. Ciò vuol dire che ci prenderà con lui al suo ritorno.

- il Signore Gesù ha detto anche: „Chi mi serve, onora mio Padre.“ Se serviamo nell‘opera di Dio, nel coro, nella comunità, all’altare, allora Dio ci benedice particolarmente: egli ci onora!

Lasciatemi sottolineare ancora una volta: Dio mantiene le sue promesse. Facciamo la nostra parte.

(Da un servizio divino del sommoapostolo)

 

Parola del mese

La vera ricchezza

(Aprile 2019) Negli atti degli apostoli, Luca riferisce che gli apostoli predicarono con forza la risurrezione di... [leggi]