Parola del mese

Toccare l’orlo dell’abito

Giugno 2009

Durante il suo pellegrinaggio sulla terra, il Signore Gesù è passato tra villaggi e città. Egli ha fatto sosta anche al lago di Genezareth con i suoi discepoli, luogo in cui ha incontrato malati e gente con acciacchi diversi. I malati e gli acciaccati hanno chiesto al Signore di poter toccare l’orlo del suo abito; la Sacra Scrittura riferisce che tutti coloro che avevano toccato l’orlo del suo abito erano guariti.

Allora, il punto centrale di questi avvenimenti erano le malattie e gli acciacchi corporali. Oggi, guardiamo un po’ cosa possono essere gli acciacchi spirituali che riguardano l’anima immortale e non queste malattie terrestri. C’è gente che non ha fede: essi non credono che Dio ha inviato il suo Figliolo sulla terra per la redenzione degli uomini, essi non credono alla forza del sacrificio di Gesù o che gli apostoli sono inviati di Cristo.

Altri non hanno pace nel cuore perché la paura, l’affanno e le preoccupazioni determinano il loro quotidiano.

Altri si preoccupano del futuro, non hanno la speranza, non hanno l’amore nel cuore perché non sperano più nella promessa della rivenuta del figliolo di Dio.

A tutti coloro che vogliono guarire da queste malattie terrene, do il consiglio seguente: toccate l’orlo dell’abito di Gesù Cristo!  Solo allora vi è alleviamento e guarigione.

A questo punto ci si pone la domanda: come si può fare? È possibile solo in Spirito con la preghiera. Se abbiamo il desiderio di liberarci da malattie spirituali, allora inginocchiamoci e preghiamo. Se la fede deve essere rinforzata, poniamo questo nella preghiera e così possiamo toccare l’orlo dell’abito del Signore. A questo punto il nostro cuore è rinforzato e possiamo vivere la presenza di Dio ed essere riempiti di pace e gioia. Attingiamo nuova speranza e siamo colmi di amore. La preghiera è sostenuta dal servizio divino dove viene proclamato il vangelo e dove viene festeggiata la Santa Cena. Anche la visita pastorale del sacerdote contribuisce a toccare l’orlo dell’abito del Salvatore: una preghiera insieme apre le vie!  Se si è attivi nella comunità con la preghiera è più facile toccare l’orlo dell’abito.

La guarigione e l’alleviamento di malattie spirituali della nostra anima immortale è molto importante, visto che aneliamo la meta della fede; qui abbiamo bisogno di una fede forte, qui aiuta una speranza solida, qui vogliamo essere rafforzati nell’amore. Vogliamo essere degni quando il Signore ritorna, affinché egli possa prenderci tutti e che noi possiamo restare con lui in eterno.

Questa è la nostra meta ed è meraviglioso che noi tutti abbiamo la stessa meta; non una meta qualsiasi e non molte mete. Per questo cerchiamo di toccare l’orlo dell’abito del Figliolo di Dio, affinché possiamo ricevere aiuto per le malattie spirituali ed essere riempiti con nuova pace e nuova gioia.

(da un servizio divino del sommoapostolo)

Parola del mese

Dare e avere

(Dicembre 2019) L'ultima pagina del calendario ci rammenta che l'anno volge inesorabilmente al termine. Quello che... [leggi]