Parola del mese

Mostrare riconoscenza

Aprile 2009

La storia dell’opera di Dio ha cominciato con piccoli passi per svilupparsi poi nella Chiesa di Cristo su tutta la terra. Ciò non è stata la prestazione di singoli figlioli di Dio, ma è stata la prestazione della benignità e della grazia del Signore. Negli Atti degli apostoli secondo Luca v’è scritto come da pochi discepoli si sviluppava una crescente comunità – sempre sotto l’operare dello Spirito Santo! Il Signore Gesù ha detto ai suoi discepoli: non voi mi avete scelto, ma io vi ho scelto. Ciò vuol dire: da lui proviene tutto! Non era così solo a suo tempo, lo stesso vale anche oggi. Senza la sua benedizione ed il suo aiuto, niente sarebbe possibile; però con la sua benedizione ed il suo aiuto, tutto è possibile. Un giorno di particolare benedizione è la festa della Confermazione: giovani fratelli e sorelle esprimono il voto di confermazione ed il Signore pone sopra questo la sua benedizione.

Ora pongo la domanda: come possiamo essere riconoscenti? Se diciamo: „Signore, ti sono riconoscente“, allora è bello; però non è ancora vera riconoscenza. Pensiamo un po’ a come si educa i bambini. Se i bambini dicono di essere riconoscenti, i genitori se ne rallegrano. I genitori diranno allora: mostra la tua riconoscenza! Bisogna agire, bisogna mostrare la propria riconoscenza attraverso il proprio comportamento. Questo lo vogliamo fare anche di fronte al buon Dio: vogliamo mostrargli la nostra riconoscenza attraverso il nostro comportamento.

Possiamo essere riconoscenti nel momento in cui sacrifichiamo. Chi è veramente riconoscente verso il Signore, sacrifica. Penso non solo al sacrificio pecuniario che diamo volentieri, ma anche al sacrificio del tempo.

Chi è riconoscente impiega i suoi talenti nell’Opera del Signore, aiuta e non si mette ai margini. Egli contribuisce affinché sia bello nella comunità e che tutti si sentono bene.

Chi è riconoscente lo dimostra attorno a sè. Egli parla del bene che Gesù ha fatto: ci ha condotti e diretti e abbiamo potuto vivere molti miracoli tramite la sua grazia. In generale, gli uomini hanno un’altro portamento: si parla di cose spiacevoli, di cose che l’uno o l’altro ha sbagliato, ci si lamenta delle situazioni. Ciò non è sensato, con questo le situazioni non cambiano. Al contrario, com’è bello poter parlare della propria riconoscenza!

Siamo dunque riconoscenti al Signore con tutto il cuore e dimostriamo anche questa riconoscenza.

(Da un servizio divino del sommoapostolo)

Parola del mese

Siamo qua per voi!

(Giugno 2019) Recentemente, in molte comunità giovani cristiani hanno deposto il loro voto di Confermazione e... [leggi]