Parola del mese

Luglio 2020: Nella gioia e nella sofferenza: fiducia!

In situazioni d'emergenza, dove magari i problemi non trovano soluzioni, l'uomo invoca un forte Dio: „Signore, aiuta!“ Questa è la preghiera in tempi insicuri. Penso ad un passaggio nella bibbia che dice „Il Signore combatterà per voi e voi ve ne starete tranquilli“ (Esodo 14,14). A suo tempo si trattava della via che il popolo d'Israele doveva percorrere nel deserto. Davanti a loro c'erano ostacoli intramontabili e dietro v’era l'esercito egiziano del faraone. Gli Israeliti erano nel panico e imploravano Dio. Mosè disse loro quello che dovevano fare: „Abbiate fiducia in Dio, restate tranquilli! Egli è con noi e non ci succederà nulla“. E, come scrive la storia, il Signore ha agito in maniera inattesa e ha salvato il suo popolo.

Anche noi siamo confrontati talvolta con situazioni difficili. Lo Spirito Santo ci incoraggia a non avere paura o a non dare la colpa a Dio per le nostre miserie. Esso ci ricorda che Dio ci ha salvati: presto Egli ci salverà in modo meraviglioso, manderà il suo Figlio a prenderci. Gesù con i suoi apostoli si occupano per preparare la sposa al suo ritorno. Pertanto: restiamo tranquilli nelle avversità, confidiamo in Dio preparandoci e pregando per essere trasmutati.

Viviamo però anche momenti dove ci troviamo bene. Allora veniamo al cospetto di Dio e lo lodiamo, perché sappiamo che il bene proviene dalla sua grazia. Godiamo la gioia e la fortuna che Dio ci dona. Anche in questi momenti belli della nostra vita vogliamo prepararci alla rivenuta di Cristo pregando e non vogliamo dimenticare che Dio ci vuole donare qualche cosa di molto più bello: l'eterna comunione con Lui!

Sommoapostolo Jean-Luc Schneider