CNA Internazionale

La Chiesa Neo-Apostolica Internazionale

La Chiesa Neo-Apostolica Internazionale (CNA-Int.) è un’associazione autonoma secondo la legislazione svizzera, con sede permanente a Zurigo. In essa sono riuniti il sommoapostolo in carica e tutti gli apostoli di distretto, aiutanti d’apostolo di distretto e apostoli in servizio attivo, quali ministri della Chiesa Neo-Apostolica con funzioni dirigenziali. Organi dell’associazione sono: il sommoapostolo, l’assemblea degli apostoli di distretto e l’assemblea degli apostoli. Insieme a tutte le Chiese regionali neo-apostoliche - nel rispetto della loro autonomia giuridica -, la CNA-Int. forma una Chiesa globale con un insegnamento uniforme, operante su scala mondiale e diretta dal sommoapostolo quale suprema autorità spirituale.

La CNA-Int. si è prefissa il compito di curare, promuovere e conservare l’unità spirituale di tutti gli apostoli della terra con il sommoapostolo e tra loro. In particolare questo avviene mediante la pianificazione, la preparazione e lo svolgimento di assemblee degli apostoli di distretto e degli apostoli, mediante l’invito regolare degli apostoli a partecipare a servizi divini del sommoapostolo e mediante la pianificazione e preparazione dei viaggi del sommoapostolo nelle singole Chiese regionali per lo svolgimento di servizi divini e il conseguente incremento della comunione reciproca.

Inoltre la CNA-Int. cura l’unità di tutte le Chiese regionali nel senso di una Chiesa globale operante su scala mondiale. A tale scopo essa offre impulsi per lo sviluppo interiore ed esteriore della Chiesa nel suo insieme, elabora direttive e disposizioni nell’interesse della collaborazione spirituale, organizzativa e internazionale delle Chiese regionali e mette in atto le disposizioni del sommoapostolo. Inoltre la CNA-Int. segue da vicino i gruppi di progetto e gruppi di lavoro fondati dal sommoapostolo, preserva l’unità dell’intera Chiesa, cura gli interessi della Chiesa nel suo insieme e la rappresenta in pubblico. La CNA-Int. collabora anche nell’elaborazione di una strategia ecclesiastica e finanziaria per la Chiesa globale.

Per garantire la sussistenza economica delle singole Chiese regionali, per sostenere Chiese regionali deboli dal punto di vista finanziario e contribuire così ad uno sviluppo sostanzialmente uniforme nell’ambito delle varie regioni, la CNA-Int. analizza i bilanci annuali delle Chiese regionali e sostiene le loro amministrazioni nel raggiungimento di una coordinazione ottimale di tutti i compiti amministrativi e nello sfruttamento di sinergie esistenti. Inoltre la CNA-Int. coordina misure di beneficenza, archivia scritti rilevanti per la Chiesa e attua la sorveglianza sui prodotti ecclesiastici della casa editrice Verlag Friedrich Bischoff GmbH.

Per il suo finanziamento, la Chiesa Neo-Apostolica Internazionale riceve contributi dalle Chiese regionali, definiti dal sommoapostolo di comune accordo con i rispettivi apostoli di distretto. Questi proventi servono a coprire i propri costi amministrativi, a sovvenzionare Chiese regionali deboli dal punto di vista finanziario, a compiere opere di utilità pubblica e di beneficenza che sono d'interesse internazionale, nonché a finanziare tutte le altre attività della CNA-Int.

Le risorse finanziarie sono amministrate secondo le disposizioni del sommoapostolo; egli provvede ad una stesura regolare della contabilità e ad una chiusura contabile professionale alla fine di ogni anno civile, compresa la verifica dei conti per opera di una società di controllo riconosciuta tra gli specialisti del ramo. I conti annuali, il rapporto annuale e il rapporto di revisione sono discussi nell'assemblea degli apostoli di distretto.

Per la preparazione ed elaborazione della strategia finanziaria, entro sei mesi dalla conclusione di ogni anno contabile gli apostoli di distretto, per quanto concerne la loro area di attività, devono inoltrare alla CNA-Int. spontaneamente le chiusure annuali da loro firmate, insieme ai resoconti d'esercizio e i rapporti di revisione dei revisori contabili. Questo avverrà sotto forma di bilanci riguardanti le Chiese regionali di loro competenza, gli enti caritativi, le fondazioni ed eventuali aziende economiche di proprietà della Chiesa.